DURABILITA'' DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO ARMATO

Milano, 26 febbraio 2010 -  Scarica qui il programma

Giornata di studio dedicata alla memoria del Professor Pietro Pedeferri
                   
d'intesa con AICAP, AIMAT e Ordine degli Ingegneri di Milano

PRESENTAZIONE
La giornata è dedicata alla memoria del Prof. Pietro Pedeferri che, sia come straordinario ricercatore sia come ottimo do­cente, ha dato un contributo essenziale alla diffusione nel no­stro paese della sensibilità nei confronti della durabilità delle strutture in calcestruzzo armato. La durabilità di un’opera è una proprietà intrinsecamente legata, da un lato, alle condi­zioni di esposizione ambientale e, dall’altro lato, alla vita di servizio prevista in sede di progetto per l’opera stessa. Ora, con le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC), la durabi­lità è finalmente entrata a far parte dei principi fondamentali della pro­getta­zione ed esecuzione delle strutture anche in Italia. Nelle NTC, in accordo ai moderni orientamenti della progetta­zione struttu­rale, è previsto che nei documenti di progetto venga precisata la vita nominale (VN) di un’opera strutturale e, fin dal mo­mento del progetto, si definiscano le azioni am­bientali sui materiali e sugli elementi costruttivi. Quindi è ri­chiesto che si adottino scelte progettuali adeguate per garan­tire il manteni­mento di queste azioni entro limiti tali da non de­terminare il raggiungimento di stati limite ultimo o di eser­cizio nell’arco della vita nominale della struttura. Questo pre­sup­pone che il progettista sia in grado di modellare, o comun­que prevedere, le azioni chimiche, fisiche e meccaniche che l’ambiente d’esercizio determinerà sulla struttura e di effet­tuare una consapevole scelta dei materiali e un adeguato pro­getto dell’opera, al fine di limitare le loro conseguenze.
In questa giornata di studio si affronteranno i diversi approcci, sia prescrittivi sia prestazionali, che si possono adottare per il progetto della durabilità delle strutture in calcestruzzo armato e i loro limiti. Nella prima sessione, in inglese, illustri colleghi e amici di Pietro Pedeferri di fama internazionale discuteranno i più re­centi approcci al progetto della durabilità delle strutture in c.a. Nella seconda sessione, in italiano, si analizzeranno le impli­cazioni delle NTC e le loro conseguenze sulla progetta­zione ed esecuzione delle costruzioni in calcestruzzo armato.

PROGRAMMA

08.30 Apertura della segreteria e registrazione
09.15 Inizio lavori
          PRESENTAZIONE
          • Apertura della giornata - Donatella Guzzoni, Giovanni Plizzari, Alberto Cigada, Luca Sanpaolesi
          • Ricorso di Pietro Pedeferri - Giulio Ballio
          • I contrubuti di Pietro Pedeferri alla durabilità del calcestruzzo armato - Luca Bertolini
          SESSIONE 1 - Design for service life of reinforced concrete structures”
         
Chairmen: Luca Bertolini, Giovanni Plizzari
          • Deterioration of concrete and its prevention - Mario Collepardi
          • Corrosion of steel in concrete and modelling of service life - Carmen Andrade
          • Prevention according to FIB Model code for Service Life Design - Giuseppe Mancini
11.14 - 11.45 Coffee break
          • preventative measures for corrosion of steel in concrete - Chris L. Page
          • Round table/Open discussion
13.00 - 14.30 Lunch
          SESSIONE 2 - "Le NTC e la durabilità delle strutture in c.a."
         
Coordinatori: Donatella Guzzoni, Giovanni Plizzari
          • NTC - Corrosione delle armature e vita nominale - Fabio Bolzoni
          • NTC - Stati limite di esercizio: deformabilità e fessurazione - Marco Savoia
16.00 - 16.30 Coffee break
          • NTC - Il progetto strutturale per lo stato limite di durabilità - Franco Mola
          • NTC - "Degrado" del cotruire e responsabilità delle figure coinvolte - Luigi Coppola
          DIBATTITO
          • Conclusioni - Filiberto Finzi

Sede del Convegno
POLITECNICO DI MILANO - Aula Rogers
Via Ampere 2, Milano